Site Search powered by Ajax

"Non spengiamo le luci del cinema"

Come ARCI - UCCA (Unione Circoli Cinematograafici ARCI) della Toscana chiediamo alle forze politiche e ai cittadini in generale, la possibilità di valutare  seriamente  il problema della chiusura dei piccoli cinema delle città toscane.
Crediamo a questo punto sia necessaria avviare una seria riflessione culturale.  
Ucca Toscana  aderisce in pieno alla campagna "Non spengiamo le luci del cinema".
Da un paio di anni la rete dei circoli cinematografici UCCA in Toscana  tenta di favorire sostenere e stabilizzare i collegamenti  tra spazi, vecchi e nuovi, ed alcune mono sale che in questo momento stiamo gestendo nelle città della nostra regione e l’incontro tra i nostri soci legati all’interesse per il linguaggio cinematografico.
Dai dati emersi si  evince la gravità , sociale e culturale, della situazione del cinema  in Toscana. E' da anni che i piccoli centri cinematografici protestano ma le risposte stentano ad arrivare. Siamo piccoli!
Di fronte a un Cineplex che potere ha una mono sala, un cineclub, un circolo cinematografico? Nessuno!
I dati del Cinetel, che troviamo interessanti in quanto valutazione generale di un sistema nella sua complessità, ci restituiscono un quadro di riferimento analogo sia rispetto al 2010 che al 2009, quello del 2009 non differiva dal 2008.
Certo, che le 13 multisale/cineplex toscane tagliano le possibilità tanto economiche quanto della loro funzione sociale delle altre 78 strutture e sappiamo altrettanto bene , che le multisale hanno aumentato l'acquisto dei pop corn ma non la vendita biglietti. Nessuno ha mai creduto che queste megastrutture, sarebbero crollate .Quando ciò accadrà è probabile che anche le piccole strutture non esisteranno più. E allora il cinema sarà un'altra cosa  o forse non esisterà più.
L’esigenza di discutere, anche in occasione del convegno proposto,  nasce dal fatto che è ormai noto a tutti  che l'Immobiliare Novoli stia rilanciando con un pacchetto “culturale” solo apparentemente interessante.
UCCA Toscana ritiene dunque assolutamente necessario continuare ad impegnarsi politicamente insieme alle Amministrazioni Comunali, alla Regione Toscana, impedendo nelle modifiche dei piani urbanistici la nascita di nuovi cineplex e sollecitando al contrario la scelta di sostenere le vecchie mono sale impedendone la  chiusura.
UCCA chiede  che i Circoli del Cinema e i Cineclub siano sostenuti nella loro attività. Anche questi circoli a nostro avviso fanno la storia del cinema in Toscana.
UCCA Toscana esprime il suo assenso e sostiene in pieno la Giunta Regionale per la volontà manifestata di reinserire il paramentro delle distanze come rimedio necessario  alle forzature pro-multiplex operate dalla precedente Giunta.Rinnoviamo dunque la nostra intenzione a partecipare alle iniziateve che saranno organizzate in futuro perché sia possibile andare in questa direzione.

UCCA Toscana

Main Menu

Login Form